Il concetto del " superuomo " di D'Annunzio

D'Annunzio era molto legato alle teorie di Nietzsche, una fra tutto fu quella del " superuomo ", che svilupperà anche nelle sue poesie. Ritroviamo questa idea tra il 1895 e 1910, quando pubblica 7 romanzi molto importanti.


Possiamo però ampliare il campo anche al 1889 dove ritroviamo alcuni tratti del " superuomo ". Partiamo quindi da " Il Piacere ", dove il protagonista è innamorato contemporaneamente di due donne. Ci sono altri 6 opere dedicate a questo tema:
  1. Il fuoco
  2. Il trionfo della morte
  3. Forse che si che no
  4. Le vergini delle rocce
  5. L'innocente 
  6. Giovanni Episcopo
Tutti questi sono accomunati dall'individualismo dei personaggi e dall'superomismo che ritroviamo in ognuno di essi: artistico, dell'aviazione, delle automobili e di altre tematiche. Oltre a questo tema, abbiamo il tema ricorrente dello sperimentalismo, attraverso il quale D'Annunzio rappresenta una nuova forma di romanzo con l'introduzione di: commenti all'interno delle sue opere, la ricercatezza di dettagli realistici e lo stile prosaico di tipo lirico-musicale.

Per contrasto, è anche molto accentuata la presenza del tema decadente: la sconfitta del superuomo di fronte alla seduzione della bellezza femminile, il decadere di Venezia e l'idea che tutte le cose muoiono.


Segui Help Tecno Blog sui canali social per rimanere aggiornato sulle ultime novità, basta un click:
-Seguici su Facebook😄
-Seguici su Twitter😀
-Seguici su YouTube😁
-Iscriviti ai Feed😏

Offerte consigliate:

   

Commenti