L’evoluzione della Mercedes Classe S dal 1904 al 2018 - Help Tecno Blog

HelpTecnoBlog.com un blog dedicato alle novità tecnologiche per smartphone, tablet, iPhone, iPad. Novità dal mondo automobilistico su Auto, Crash Test e una serie di altri temi relativi alla conoscenza, unboxing, guide e recensioni.

Breaking

1/07/2020

L’evoluzione della Mercedes Classe S dal 1904 al 2018

La Mercedes Classe S, l’ammiraglia a tre punte della casa di Stoccarda. La classe S, denota lusso, eleganza e prestigio, oramai è il simbolo della Mercedes. Nell’ultimo ventennio ha raggiunto livelli di tecnologia e confort senza eguali: che pian piano sono stati elargiti anche ai modelli piú economici e di classe minore, Nasceva come berlina di lusso e così è rimasta, una berlina speciale come si intuisce dall’iniziale “S”, che sta per Sonderklasse.

Lo sviluppo di tale vettura sotto l’aspetto della sicurezza sia attiva che passiva è stato enorme, si pensi al sistema “radar”, in Mercedes chiamato Distronic Plus, sulla S era possibile averlo a partire già dal modello W220. prodotto dal 1998 al 2005, quasi vent’anni fa. Poi raffinato fino a renderlo disponibile a partire dal 2008 anche sulle vetture di classe inferiore, come classe E e classe C. Oggi presente anche sulle piú piccole di casa Mercedes. Questo è solo un esempio, di serie tutte le vetture dispongono del Pre-safe, testato e installato in anteprima sempre sulla ammiraglia, un sistema che prepara il conducente e il passeggero alla collisione. In breve, alza i finestrini, porta in tensione le cinture di sicurezza e regola il sedile per attenuare il colpo dell’impatto, completato da poggiatesta attivi, ossia al loro interno è presente un vero e proprio airbag, che evita il colpo di frusta.   



Insomma, una vettura osannata da molti, che si distingue in un parco auto per le sue caratteristiche tecniche, a partire dalle dimensioni generose, oltre i cinque metri. Denotata da interni spaziosi e comodi, nelle versioni piú complete sono presenti le sospensioni pneumatiche, airmatic che formano un cuscinetto d’aria tra l’asfalto e il telaio della vettura, grande classico della S.
Negli ultimi anni era possibile ordinarla nella versione a passo corto e nella versione a passo lungo, quest’ultima non ha riscosso grande successo in Europa e pertanto ultimamente destinata ai paesi orientali.

Nel video a metà post, sono state messe a confronto tutte le versioni che si sono susseguite nel tempo, partendo dalla antenata Simplex del lontano 1904 fino all’attuale Classe S W222. Il video è interessante perché si nota il cambio di stile e delle dimensioni col passare del tempo. I primi modelli avevano un baricentro alto e forme molto tondeggianti, l’abitacolo si estendeva fino al posteriore. Dalla 770, l'abitacolo termina prima e si schiaccia verso terra, assomigliando alle versioni che conosciamo.  Col passare degli anni, l’abitacolo viene sempre piú spostato verso il centro, lasciando spazio al bagagliaio, raggiungendo dimensioni importanti fino alla W116 (anni di produzione 1972-1980), per poi pian piano attenuarsi ed essere proporzionato nelle dimensioni. Interessante aspetto da notare è il taglio tra il bagagliaio è il finestrino dei passeggeri posteriori, che iniziava a prendere forma dalla W180, per poi diventare il simbolo è l’ispirazione per le altre vetture. 

Nessun commento:

Posta un commento

Spunta la casella qui a lato per essere avvisato della risposta