Il Futurismo italiano riassunto

Il Futurismo italiano, ecco a voi il riassunto di questa avanguardia letteraria tutta italiana. L'autore fondatore di questa corrente letteraria fu Filippo Tommaso Marinetti nel Novecento. La sua prima menzione è contenuta nel " Manifesto del futurismo "del 1909.

I veri ideali futuristi si fondavano sull'influsso dei loro componimenti sulla vita sociale, pertanto i temi erano molto attuali: politica, moda e vita di ogni giorno. Proprio questo fu la novità introdotta dalla nuova corrente futuristica che si applicava ad una vastità di generi ( ecletticità futurista ). 
Il loro pensiero si diffondeva attraverso i manifesti specialistici ( artistici, cinematografici, moda, alimentazione e tutte le singole micro categorie), incontri nei teatri e la creazione di riviste e rivistine per promuovere la nuova corrente letteraria. 
Era un movimento di tipo rivoluzionario, che voleva andare verso il futuro e lasciarsi alle spalle il passato. Questo fu anche incentivato dallo sviluppo in campo tecnologico dell'epoca ( iniziavano a circolare le prime automobili, il progresso industriale e la concezione di una società sviluppata). Era una corrente violenta, secondo il Manifesto del 1909, voleva distruggere biblioteche, le accademie e tutto quanto era passato; possiamo definirlo un movimento di tipo autoritario, che precederà il fascismo in campo politico.
Il passaggio non fu indolore, difatti si passò in breve tempo dal Simbolismo al Futurismo.

Segui Help Tecno Blog sui canali social per rimanere aggiornato sulle ultime novità, basta un click:
-Seguici su Facebook😄
-Seguici su Twitter😀
-Seguici su YouTube😁
-Iscriviti ai Feed😏

Offerte consigliate:

   

Commenti