Non son chi fui perì di noi gran parte di Ugo Foscolo

Non son chi fui perì di noi gran parte, una poesia di Ugo Foscolo. Ho raccolto in questo post il testo della poesia.  





questo che avvanza è sol languore e pianto.
E secco è il mirto, e son le foglie sparte
del lauro, speme al giovenil mio canto.

Perché dal dì ch’empia licenza e Marte
vestivan me del lor sanguineo manto
, cieca è la mente e guasto il core, ed arte la fame d’oro, arte
è in me fatta, e vanto.

Che se pur sorge di morir consiglio,
a mia fiera ragion chiudon le porte
furor di gloria, e carità di figlio.

Tal di me schiavo, e d’altri, e della sorte,
conosco il meglio ed al peggior mi appiglio,
e so invocare e non darmi la morte.

Ho raccolto moltissime poesie nella sezione "Letteratura": clicca qui per accedere

Ti consiglio di acquistare il prodotto presente nel post su questo marketplace: clicca qui



SEGUIMI SUI SOCIAL, nessuno mi ripaga per il tempo che dedico al mio blog, a te basta un click :). CLICK SU QUI SOTTO!



Siti consigliati: Blog partner fiscale 

Iscriviti alla NewsLetter per restare informato sulle ultime notizie, meglio sapere qualcosa di più che di meno. Non amo lo spam, quindi tranquillo!

Non son chi fui perì di noi gran parte di Ugo Foscolo Non son chi fui perì di noi gran parte di Ugo Foscolo Reviewed by Blog Redattore on 2/24/2018 11:26:00 PM Rating: 5
HelpTecnoBlog M.C.& Partners srl C.f. e P.I 02185530306 - il contenuto di questo blog è il risultato di mesi di lavoro. È vietato copiare ogni contenuto dello stesso.